Come nasce il coro Rilke...


E' stato fondato nel 1992, per volonta’ della direttrice Barbara Corbatto e di alcuni amici soliti accompagnare la liturgia domenicale, il primo concerto di Natale riscuote un tale successo da entusiasmare i coristi al proseguio. Nel corso degli anni il numero dei partecipanti si incrementa fino al raggiungimento di ventisette elementi, e’ allora che il coro viene trasformato in associazione corale. I concerti si intensificano avendo come unico filo conduttore la beneficenza. Viene invitato infatti ad organizzare concerti per la raccolta di fondi a favore di Amnesty International, croce Rossa Italiana, Ant, Anvolt e tantissimi altri, affiancando cori locali, nazionali ed internazionali. Il repertorio spazia tra il sacro e profano, la canzone popolare in varie lingue, i gospel e gli spiritual ed e’ proprio con questi ultimi che il coro riscuote maggiori successi. Il coro ha partecipato per ben quattro volte al Festival internazionale di canto corale Alta Pusteria. Ha partecipato ai concerti per l'Avvento nella citta' di Salisburgo ed ai concerti per l'Avvento nella citta' di Vienna, esibendosi nella Rathaus assieme a cori di fama internazionale, riscuotendo un particolare successo con i brani popolari in varie lingue , e' stato invitato ad esibirsi nel duomo di Santo Stefano per un concerto di musica sacra, ricevendo particolare interesse di pubblico. E' stato scelto per accompagnare l'opera Elisir d'amore messa in scena dal maestro Svab con l'Accademia lirica di S.Croce e quale coro supporter del gruppo B&B band durante il Festival della canzone bisiaca. Dalla sua fondazione ha come apuntamenti fissi il concerto Note di Natale giunto alla sua XXV edizione ed il concerto Note d’estate nella prima settimana di giugno, giunto alla sua XXII edizione. Ha cantato con alcuni dei più grandi gruppi corali italiani. Per festeggiare i 25 anni di coralità ha ospitato i Crodaioli di Bepi De Marzi ed il Vòs de mont di Marco Maiero ad un evento eccezionale, un concerto in ensamble che si è tenuto nella Basilica di San Giovanni in Tuba, presso le foci del Timavo, preceduto da una conferenza sulla coralità, che i due maestri, Maiero e De Marzi, hanno tenuto presso il castello di Duino.Un successo eclatante. Fin dagli inizi e’ sempre stato egregiamente diretto dalla prof.ssa Barbara Corbatto , diplomata in pianoforte presso il conservatorio Tartini di Trieste ed in didattica musicale presso il conservatorio Tomadini di Udine. Si avvale inoltre della professionalita' del pianista Jan Grbec. Il nostro coro accompagna qualsiasi liturgia, viene chiamato ad esibirsi in occasione di matrimoni, S.S.Messe, funerali ecc. L’associazione corale non ha scopi di lucro e dalla sua fondazione continua con uno spirito di amicizia e solidarieta’ di gruppo, e’ aperto a qualsiasi persona decidesse di intraprendere l’attivita’ corale.

Soprani:

Muiesan Elsa
Berto Elena
Guglia Giuliana
Rusin Roberta
Degrassi Elisabetta
Pacor Eva
Paola Weiss

Contralti:

Contento Liviana
Leghissa Luciana
Susani Flavia
Cattaruzza Cinzia
Parisse Margherita
Ban Paola
Miskulin Dijana
Rigonat Cristina
Farina Antonella
Tomasi Ilaria

Tenori:

Della Pietra Vinicio
Cuti Enzo
Lutman Roberto
Visintin Giulio

Bassi:

Stocca Mauro
Contento Aldo
Corbatto Franco

Direttivo dal 23 febbraio 2017:

Presidente: Muiesan Elsa
Vice presidente:Corbatto Barbara
Segretario:Guglia Giuliana
Tesoriere: Pacor Eva
Consigliere: Stocca Mauro

Il curriculum del maestro:


Barbara Corbatto inizia lo studio del pianoforte all’eta’ di nove anni, sotto la guida del M° Tagliolato, successivamente si iscrive al Conservatorio G.Tartini di Trieste, dove si diploma nel 1991. Partecipa al concorso nazionalecitta’ di Asti in duo violoncello e pianoforte e piu’ tardi al concorso internazionale citta’ di Stresa, nella sezione a quattro mani. Nel 1992 fonda assieme ad alcuni amici, il coro R.M.Rilke ( divenuto nel 1994 Associazione corale). Nel 1994 si iscrive presso il Conservatorio Tomadini di Udine, conseguendo nel 1998 la laurea breve in didattica della musica. Attualmente e docente di educazione musicale, presso alcune scuole medie della provincia di Trieste e di pianoforte principale, presso il centro di educazione musicale sloveno E.Komel di Gorizia. Oltre a questo, ha collaborato quale docente, presso l'associazione Nati per la musica di Trieste e provincia. insegna quale docente di didattica musicale presso le scuole primarie con insegnamento della lingua slovena di Duino ed Aurisina

Il curriculum del pianista:


Jan Grbec Nasce a Trieste nel 1987 ed inizia lo studio del pianoforte all'eta' di cinque anni, con la maestra Feida Pasini. Ha studiato nel Conservatorio G. Tartini di Trieste, nella classe del Maestro Massimo Gon ed e' iscritto al corso di Lettere e Filosofia dell'Universita' di Trieste. E' risultato vincitore a diversi concorsi, tra i quali si ricordano: il concorso pianistico G. Gandolfi a Salsomaggiore Terme, quello L.v. Beethoven a Uliveto Terme, la rassegna musicale internazionale Citta' di Pinerolo ed i concorsi pianistici Camillo Togni e Citta' di Cesenatico. Ultimamente ha suonato come rappresentante del Conservatorio Tartini, al Castello di Miramare, presso il Conservatorio di Musica di Udine e successivamente presso quello di Capodistria. Ha partecipato ai pomeriggi musicali organizzati dall'associazione Pro Senectute, ai corsi estivi " Marco Allegri" diretti dal maestro Monaldo Braconi ed al Seminario Internazionale " Alpe-Adria" di Farra d'Isonzo. Per diversi anni inoltre, ha collaborato con il basso Alessandro Svab nell'Accademia di canto lirico della citta' di Santa Croce (TS).


Da dove nasce il nostro nome..

Nell’aprile del 1910 arrivava al castello di Duino, ospite della principessa Thurn und Taxis, un pallido poeta, Rainer Maria Rilke. Rilke ebbe un’infanzia assai angosciata, la madre squilibrata lo vestiva da bambina mentre il padre lo obbligo’ ad entrare in un collegio militare. Viaggio’ moltissimo, visito’ due volte la Russia , dove conobbe Tolstoj, fu in Spagna, soggiorno’ in Egitto e poi finalmente stanco , si fermo’ a Parigi dove sposo’ Clara Westhoff, una modesta scultrice, allieva del Rodin. Ed e’ a Parigi che incontro’ quella principessa duinese che lo invitera’ nel suo castello. La turrita dimora di Duino si trasformo’ ben presto in una piccola corte. Sulla terrazza a strapiombo sul mare, un complesso musicale da camera, “il quartetto triestino”, interpretava brani di Beethoven e Mozart; il poeta austriaco Kassner, assieme all’inglese Orazio Brown leggevano le loro liriche, poi si ballava, si cantava. Ed e’ qui a Duino che, chiusosi in se’ stesso dopo una breve relazione sentimentale con la Duse, finita male, Rilke scrisse le famose “ Elegie”. Allo scoppio della guerra si imbosco’ in un ufficio militare a Monaco. Il castello di Duino veniva bombardato dai cannoni italiani da Punta Sdobba e con esso svanivano molti sogni. Alla fine del conflitto Rilke non torno’ a Duino; preferi’ la nuova dimora di Muzot nel Canton Vallese svizzero, dove mori’ alcuni anni prima dell’avvento del Nazismo. In memoria del famoso poeta, e’ stato nominato il sentiero panoramico che unisce Duino a Sistiana e dal quale il nostro coro prende nome.